La squadra di Spalletti, a fatica, conquista tre punti fondamentali per il morale e per la classifica. Il Benevento, fin dai primi minuti di gioco, si dimostra squadra ostica: corre e lotta con grinta. Per i campani ogni partita è una finale e come tale va affrontata. La squadra di De Zerbi, stupisce per tecnica ed impegno.

L’Inter, invece, gioca un primo tempo squallido. Subisce le avanzate della compagine ospite senza opporre alcuna resistenza. I nerazzurri sono una squadra in crisi e si vede.
Nella ripresa, i gol di Skriniar e di Ranocchia (entrambi di testa) salvano l’Inter dalla possibile figuraccia.

PRIMO TEMPO - al 17’ traversone di Cancelo per Perisic che, di testa, spedisce il pallone fuori.
Al 28’ Coda calcia di potenza, Handanovic respinge.

SECONDO TEMPO - al 58’ assist di Brignola per Coda, il cui tiro esce di pochissimo.
Al 66’ calcio d’angolo di Cancelo, Vecino prolunga per Skriniar che, di testa, porta l’Inter in vantaggio.
Al 69’ cross di Cancelo per Ranocchia che, in tuffo di testa, segna il gol del definitivo 2 a 0.
All’81’ il Benevento rimane in 10 uomini in seguito all’espulsione di Viola per doppia ammonizione.

L’Inter vince ma non convince. Per la prossima sfida contro il Milan, bisognerà sicuramente migliorare sotto ogni aspetto.

Te set mia un matt se te set mia de la Val di Matt
Francesca