L’Inter continua a vincere e mantiene saldo il secondo posto in classifica. La partita contro il Verona si rivela più complicata del previsto: la nostra squadra soffre ma riesce a conquistare tre punti fondamentali per la classifica e per entrare nella storia del club. Infatti, all’undicesima giornata di campionato, l’Inter non aveva mai raggiunto la quota di 29 punti in classifica. Un piccolo record che dimostra, una volta in più, la forza e la qualità della società e della squadra interista.

PRIMO TEMPO - al 9’ Romulo salta Nagatomo e serve Cerci: il tiro dell’attaccante del Verona viene murato dalla difesa nerazzurra.
Al 17’ cross dalla destra di Candreva per Icardi che non trova la porta.
Al 36’ cross di Candreva dalla destra, Borja Valero lasciato solo in area di rigore, insacca di destro e porta in vantaggio l’Inter.

SECONDO TEMPO - al 48’ Perisic serve Icardi in profondità, il tiro esce di poco sopra la traversa.
Al 54’ bel tiro di Cerci di poco a lato.
Al 58’ l’arbitro, con l’aiuto del VAR, concede calcio di rigore al Verona per fallo di Handanovic su Cerci. Pazzini dal dischetto non sbaglia e segna il gol del momentaneo 1 a 1.
Al 63’ calcio d’angolo di Candreva per Vecino che stacca di testa e colpisce in pieno la traversa.
Al 67’ corner di Candreva, Heurtaux allontana e serve involontariamente Perisic che, dal limite dell’area, calcia di potenza ed insacca la sfera in rete segnando il gol del definitivo 1 a 2.
All’89’ punizione di Brozovic, Skriniar colpisce di testa senza impensierire il portiere avversario.

Prossimo match, domenica 5 novembre ore 12:30, Inter-Torino.

Te set mia un matt se te set mia de la Val di Matt
Francesca